Canossa
Carpineti 
Castellarano
 
Montecchio
Montechiarugolo
Quattro castella
Bianello
Monte Lucio 
Monte Zane 
Monte Vetro 

Rossena 
Rossenella
San Polo
 
Sarzano

Special Offer!

Buy Now >>



ROCCA DI MONTECCHIO EMILIA

La Rocca rappresenta senza dubbio uno dei castelli più notevoli della valle d'Enza e certamente la principale emergenza architettonica di Montecchio. Posto agli inizi della pianura vicino al fiume garantiva gli accessi alla zona collinare consentendo un efficace controllo dei territori limitrofi. Una primitiva fortezza è forse da fare risalire all'età matildica o post-matildica (XI-XIII secolo) ma è solo dalla seconda metà del '200 che si può parlare di un vero e proprio fortilizio smantellato nel 1317 da Gilberto da Correggio. Al condottiero Alberico da Barbiano è assegnata dalla tradizione la costruzione della "Rotonda" -oggi di proprietà privata-opera ancora visibile nella sua circonferenza con buona parte delle caditoie. Nel 1426 si ha notizia di riparazioni alla rocca eseguite da Agnolo della Pergola. Tra il 1437-'38 il castello viene fortificato con la sistemazione delle fosse. Nuovi interventi risultano per tutta la metà del sec. XV con continue opere di rafforzamento e restauri diretti dagli ingegneri Accorsio e Guglielmo da Fano. Grossi bastioni, cortine e fossati sono realizzati durante l'occupazione di Guido Torello di Torrechiara ed ancora dagli Estensi nel 1486 e 1495 con il contributo dell'architetto Biagio Rossetti: si trattò di un'imponente ricostruzione degli apprestamenti difensivi portando lo sviluppo delle mura ad un perimetro di oltre 1300 metri e destinando la nuova area recintata all'urbanizzazione civile che caratterizzerà l'impianto del centro storico.
Nel 1536 si rafforzano le mura con innalzamento dei merli, ricostruzione di archibugiere e riparazione dei torrioni con le cannoniere e le fosse. Diverse opere sono realizzate soprattutto alla metà del secolo XVI con il concorso dei maestri muratori Cesare e Leonello Agazzi ferraresi, Tommaso Casteldardi reggiano, Matteo Alghisio da Carpi, Antonio Maria Natoli di Parma. Altri rinforzi e sistemazioni seguono nel corso del secolo XVIII. Nel 1752 in una sala presso la galleria di collegamento nel castello con la "Rotonda" è allestito un piccolo teatro. Dalle relazioni dell'ingegnere ducale Ludovico Bolognini nel 1775 e 1789 la rocca appare in cattive condizioni. Con i restauri del 1813-’23 è anche costruita la sequenza dei portici verso la piazza. Nel 1947 viene coperto il cortile d’armi interno. La rocca chiude il lato di ponente dell'abitato trovandosi al centro di un vasto recinto fortificato o cittadella con muratura a scarpa e bastioni rotondi agli angoli. La struttura forma un quadrilatero irregolare con cortile interno, derivato da interventi di epoche successive. Il complesso si deve dividere in due parti distinte, una datazione più recente rappresenta dal sistema di difesa della cinta muraria del centro storico e dalla cittadella, una seconda più antica rappresentata dalla Rocca. L'edificio principale, attorno al quale si evolve la rocca di Montecchio, è rappresentato dalla torre grande, il mastio o torre dell'orologio sita nell'angolo nord-est. Questa, costruita e modificata a più riprese, ha indubbiamente origini antichissime come testimoniano i paramenti murari del primo e secondo livello. Attorno alla torre sorsero diverse cinte murarie, via via potenziate con addizioni di opere militari che portarono il castello ad assumere la sua attuale forma e dimensione. Alla torre grande si raccorda una torre piccola, tra loro collegate a livello di piano terra e primo piano da un sistema articolato di volumi prospettanti sul cortile interno. Entrambe le torri sono provviste di un giro completo di piombatoi e di merlatura ghibellina ricoperta da tetto. Sono ancora osservabili tratti di mura di cinta con le basi dei tre torrioni perimetrali e residui della fossa.
Recenti prospezioni e saggi, hanno portato alla scoperta di interessantissimi reperti archeologici tra cui un vasto sepolcreto di epoca altomedievale con tombe a cassa e a fossa, antiche fondazioni e strutture collegabili ad attività produttive, tra cui una "calcara", certamente preeesistenti alla costruzione del primo circuito difensivo dell'attuale castello (XIII secolo), di cui si sono rinvenute le strutture della porta verso il borgo. Il più esteso circuito ciruito delle mura urbane, di cui rimangono parti delle cortine, era costituito da un muro a scarpa con torri quadrate agli angoli e rompitratta lungo i lati; vi si aprivano due accessi: la porta Vecchia a settentrione, demolita nel 1874 e la porta Nuova, sita all'inizio di via Veneto verso sud, abbattuta nel 1902. Nell'arco di questo periodo sono inoltre ridotte le stesse mura.