Canossa
Carpineti 
Castellarano
 
Montecchio
Montechiarugolo
Quattro castella
Bianello
Monte Lucio 
Monte Zane 
Monte Vetro 

Rossena 
Rossenella
San Polo
 
Sarzano

Special Offer!

Buy Now >>



CASTELLO DI CARPINETI

Il complesso fondato da Matilde di Canossa nel 1077 sorge sul monte Antoniano, sovrastante il borgo di Carpineti e dominante le due vallate del Tresinaro e del Secchia. Nel 1082 il castello ospita il Vescovo di Lucca, S. Anselmo, che governò la Diocesi di Reggio dal 1082 al 1086 e successivamente i pontefici Urbano II e Pasquale II. Nel 1092 vi si svolge l'assemblea di vescovi, prelati e monaci che decide la continuazione della guerra contro Enrico IV. Alla morte della contessa passa in possesso di Enrico V. Nel 1168 ne è signore Gherardo da Carpineto. Occupato dai parmigiani al comando di Morello Malaspina, nel 1182, poi dal Comune di Reggio nel 1218, passa quindi ai Salinguerra e nel 1245 ai Fogliani che ne tengono il possesso fino al 1412 quando cade in potere di Nicolò III d'Este. Nel 1513, il Governatore della città di Reggio, Giovanni Gozzadini, concede il castello a Domenico d'Amorotto con una donazione confermata da Leone X e da Adriano VI. Il castello rimane in possesso dei suoi seguaci fino al 1523 quando ritorna agli Estensi che dall'inizio del XVII secolo ne infudano successivamente i Fontanelli, i Molza, i Giannini ed i Valdrighi cui viene tolto nel 1796 all'epoca della soppressione dei feudi, riottenendolo pio nel 1803. L'ultimo discendente di questa famiglia è il conte Francesco, storico modenese, deceduto nel 1899. Attualmente è in proprietà della Provincia di Reggio Emilia. La struttura del complesso è riferibile a quella di un castello-recinto, con una cinta a pianta irregolare prossima tuttavia ad un trapezio. All'estremità del lato corto meridionale si trova un piccolo ambiente absidato, configurandosi come un torrione rotondo, attraverso il quale si entrava nel castello. All'interno emerge significativamente la torre isolata. Questa è la pianta quadrata costituita da masselli di pietra ben squadrati; le finestre con arco a pieno centro poste sulle fronti meridionali ed occidentali e quella sul prospetto settentrionale ne fanno propendere ad una datazione non posteriore al XIII secolo. All'epoca di fondazione del castello sembra debba riferirsi anche la chiesa di S. Andrea, consacrata il 20 settembre 1117 dal vescovo Bonseniore; aveva titolo di Prevostura ed era officiata da Canonici. Era dipendente dalla Pieve di S. Vitale cui figura ancora soggetta nel 1709. Sulla porta esterna reca la data del restauro del 1902. L'edificio è orientato liturgicamente con pianta ad aula ed abside rettangolare. Nella facciata a capanna si apre il portale architravato con lunetta superiore decorata con un fregio romanico; al centro è posta una finestra quadrilobata. Il campanile con cella a monofore riquadrate si innalza sul fianco settentrionale.
L'interesse ormai ultraventennale a rendere fruibili quella serie di beni culturali (castelli) che costituiscono l'armatura del sistema territoriale difensivo-residenziale della Contessa Matilde di Canossa ha spinto l'Amministrazione Provinciale a promuovere alla fine degli anni '80 un progetto F.I.O. che prendesse in considerazione Castelli e Pievi medievali dell'Appennino Reggiano. Il finanziamento concesso ha consentito di attivare l'intervento di restauro delle architetture fortificate e recupero dell'area archeologica, condotto sotto l'alta sorveglianza della Soprintendenza per i Beni Architettonici dell'Emilia e la direzione dell'arch. M. Cristina Costa.

Orari di apertura:
luned́ chiuso
dal marted́ al venerd́ dalle ore 10-13 e 15-19
sabato e domenica dalle ore 10-19
prezzo d'ingresso: L.6000 intero - L.2000
ridotto fino a 14 anni e oltre i 65
informazioni:Archeosistemi 0522-337002